Informativa sull'uso dei cookie

Posted by on 24 Maggio 2010

Domenica 9 maggio 2010, al Cortile del Maglio presso Porta Palazzo a Torino, si è svolta la festa "…in piazza si va! Festival Solidale" organizzata dall’Associazione "Comunità Papa Giovanni XXIII", un’organizzazione senza scopo di lucro che da 40 anni opera nel mondo dell’emarginazione.

Il mio reportage.

 Su YouTube con sottotitoli.

Trascrizione del parlato:

Quanti gruppi avete riunito sotto lo stesso tetto?
Un bel numero… tantissimi: gruppi, associazioni, dobbiamo ringraziare un sacco di persone, soprattutto voi che siete qui. Vi chiedo ancora di avere un po’ di pazienza, ci sono dei gruppi che vengono da lontano, dopo il coro Gospel ci saranno i ragazzi di Kivuli, che vengono dalla bidonville di Nairobi, faranno uno spettacolo acrobatico e vale proprio la pena aspettare.

Voce fuori campo: Domenica 9 maggio, al Cortile del Maglio presso Porta Palazzo a Torino, si è svolta la festa "In piazza si va, festival solidale" organizzata dall’associazione comunità Papa Giovanni XXIII un’organizzazione senza scopo di lucro che da 40 anni opera nel mondo dell’emarginazione. Fondata da don Oreste Benzi nel 1968, è oggi attiva in Italia e in 25 paesi del mondo attraverso più di 500 Case Famiglia e strutture di accoglienza, oltre a numerosi progetti di emergenza umanitaria e cooperazione allo sviluppo. La festa a Porta Palazzo ha concluso le iniziative promosse dalla comunità Papa Giovanni XXIII a Torino, un momento di incontro tra associazioni e realtà diverse, un momento di festa per promuovere l’integrazione, la solidarietà, e per dare voce a chi fa più fatica e alle tante persone che quotidianamente scelgono di condividere la vita con loro. La piazza è diventata un luogo di festa e di integrazione, con varie proposte artistiche; ci sono i clown, i giocolieri, gruppi di musica etnica, suonano e recitano persone disabili, cantano le donne liberate dal racket della prostituzione, si formano cerchi di danze popolari, il coro Gospel cantato e interpretato da bambini udenti e non udenti, le coreografie di danza contemporanea tra la gente.

Posted in: Eventi